Photo by Josep Vallejo.

Quanto è importante per te libero professionista o piccolo imprenditore avere una segretaria di fiducia accanto? E magari la tua segretaria è a part-time? Purtroppo alcuni di voi sono costretti a rinunciare perchè, ad esempio, prendere un ufficio in proprio costerebbe troppo. In uno spazio come il nostro potrai invece lavorare in tutta serenità, usufruire di tutti i vantaggi di un coworking ed avere la possibilità di condividere il tuo spazio di lavoro con la tua assistente, ad un prezzo eccezionalmente conveniente.

Qui in AREA Coworking abbiamo a disposizione scrivanie talmente ampie da permettere una condivisione tra due persone: le abbiamo chiamate DUPLEX

E già che affrontiamo l’argomento, ti diamo di seguito il nostro pensiero sull’importanza del lavoro di una segretaria di direzione.

La Segretaria di Direzione

La segretaria di direzione è la persona posta alle immediate dipendenze del capo, capace di affiancarlo in modo valido nello svolgimento delle sue diverse attività e di gestire in autonomia le aree di lavoro che le vengono delegate, prendendosi responsabilità ed esercitando frequentemente le capacità decisionali, in modo assai più pronunciato rispetto a quanto avveniva in passato, quando la segretaria tradizionale svolgeva compiti perlopiù routinari e d’abitudine.

 Dal controllare la posta in arrivo ed evadere gran parte della corrispondenza del manager all’intervenire alle riunioni, dal fissare gli impegni del dirigente al sovrintendere al lavoro d’ufficio e fornire assistenza al personale, dall’organizzare e gestire gli archivi al raccogliere informazioni e compilare dati per pubblicazioni e rapporti, e ancora, risolvere i problemi di comunicazione, effettuare la supervisione di attività amministrative e commerciali: la segretaria di direzione svolge compiti qualificanti e di responsabilità ed è, di fatto, il braccio destro del manager

È molto importante che la segretaria abbia ben chiaro gli obiettivi che deve raggiungere, perché questo la proietta verso i risultati da ottenere e le dà una chiara indicazione del comportamento più idoneo da utilizzare. Se gli obiettivi sono troppo grandi, si rischia di scoraggiarsi in fretta: in questo caso è utile porsi degli obiettivi a breve termine più semplici che servono per stimolarci.

 È utile aver ben chiaro anche qual è lo scopo dell’azienda per cui si lavora, la sua vision, i suoi valori, i prodotti che essa offre sul mercato, i suoi sistemi di comunicazione, le regole generali della comunità aziendale: più informazioni si hanno, più la segretaria riuscirà a capire anche da sola che cosa deve essere fatto e migliore sarà la sua attività di filtro.

Quest’ultimo è un compito molto importante: a lei è richiesto di usare il potere che le compete, ovvero di essere una sorta di vigile urbano che regola il traffico delle comunicazioni, da e verso il proprio assistito. Per svolgere al meglio l’attività di filtro, deve cercare di capire bene chi è il suo interlocutore, e quindi è consigliabile mettere il filtro all’uscita e non all’entrata. Bloccare subito le persone, infatti, può significare perdere informazioni o contatti preziosi per la propria azienda. Maggiore sarà la realtà e la conoscenza dell’azienda, quindi, più efficace potrà essere la gestione del traffico comunicativo.

Se da un lato, dunque, le è richiesto di essere attenta a non ferire gli altri, l’assistente di direzione deve anche evitare di essere troppo sensibile o permalosa. Il suo ruolo la porta a star vicina a persone di potere, e queste possono, a volte, essere brusche e poco piacevoli.

 Dato che è una professionista investita di notevoli responsabilità e di competenze autonome, è importante che la segretaria direzionale sia in grado di affrontare qualsiasi tipo di urgenza, di pressione, di imprevedibilità. Deve possedere una grande flessibilità ed essere in grado di sapersi adattare, di volta in volta, alle diverse mansioni che deve svolgere e alle diverse situazioni in cui si viene a trovare, indossando il giusto cappello (ad esempio, il cappello dell’amministrazione comporta precisione, quello commerciale richiede spirito di iniziativa).

Se, un po’ ironicamente (ma non troppo) dovessimo riassumere le qualità di una perfetta segretaria, potremmo dire che essa deve possedere tre oggetti:

  • una sfera di cristallo (per poter prevedere l’imprevedibile)
  • la tuta di wonder-woman (perché nel suo vocabolario la parola impossibile non può esistere)
  • la paletta del vigile urbano (per dirigere e controllare nel migliore dei modi il traffico comunicativo diretto al suo assistito). 

Concordi?

Ci farebbe piacere un tuo parere!

Share

Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *